Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore

Joseph e Holman, due fratelli dal Nicaragua, raccontano cos’hanno imparato dalle lettere dei loro sostenitori, grazie all’adozione a distanza

Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


“Amo i versetti della Bibbia che mi manda il mio sostenitore. Per me sono speciali perché mi ricordano che Dio è con noi e che fa miracoli quando meno ce lo aspettiamo” – Joseph, 8 anni.

Holman, che oggi ha 15 anni, ne aveva 8 quando iniziò a frequentare il centro Compassion. Oggi, anche suo fratello Joseph è iscritto. La sua famiglia stava attraversando una situazione molto difficile.

Holman ricorda con gioia il giorno in cui ricevette la notizia di avere un sostenitore. La cosa più sorprendente è stata scoprire che la stessa famiglia stava sostenendo anche suo fratello!


Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


Francis, la mamma dei bambini, esprime la sua gratitudine: “Come mamma sono grata alla famiglia che si prende cura dei miei figli, aiutandoli nella loro crescita spirituale. Li incoraggiano sempre a studiare la Bibbia e a far sì che Dio sia parte della loro vita”.


Credi nel Signore

Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


“Ho notato spesso che il mio sostenitore mi incoraggia a cercare il Signore prima di ogni cosa e che mi avrebbe aiutato in tutto”, ci dice Holman.

Così, seguendo il suo consiglio, Holman ha iniziato a conoscere meglio la Bibbia e a condividerla con sua mamma.


Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


Insieme, si siedono fianco a fianco per leggere le lettere dei sostenitori, che riportano versetti e incoraggianti e piccole meditazioni.


Non perdere la speranza

Sebbene i bambini stessero recuperando coraggio, la loro situazione economica è diventata sempre più difficile.


Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


Con l’aumento dei prezzi dei generi alimentari dopo la pandemia e i disordini sociali in Nicaragua, la loro famiglia non è più in grado di comprare abbastanza cibo.

Inoltre, durante la stagione delle piogge, mamma Francis si è trovata con un’ulteriore preoccupazione: la sicurezza dei suoi figli. Il tetto della loro casa era bucato e il fiume dietro casa continuava a ingrossarsi.

Ho pregato che il Signore ci aiutasse, ma a volte per me era difficile credere che saremmo usciti da questa situazione”, ricorda.


Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


Dopo un po’, la responsabile del centro, Erika, ha chiamato la famiglia per informarli che avevano ricevuto un regalo dai loro sostenitori. Grazie alla loro donazione hanno potuto riparare il tetto e costruire una recinzione per evitare che i bambini cadessero nel fiume!

È stata una benedizione che non mi aspettavo, ma ha confermato quello che dicevano sempre le lettere: credi nel Signore e confida nel suo amore, perché provvederà”, aggiunge Francis.


Continua a studiare

“Una delle cose che i miei sostenitori mi hanno sempre scritto era di impegnarmi negli studi”, ci dice Holman.


Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


“Così, ho iniziato a frequentare il corso di informatica del centro Compassion, dove ho imparato moltissimo”.

Erika, responsabile del centro, condivide con noi: I sostenitori ci aiutano a trasformare la vita dei bambini. È grazie a loro che possiamo continuare nella nostra opera!”


Nicaragua: 3 cose che ho imparato dal mio sostenitore


Scrivi al tuo bambino sostenuto


Sostieni un bambino

Col tuo aiuto, possiamo dare a un bambino l'opportunità di ricevere aiuto e supporto.

Sostieni un bambino: insieme, possiamo fare la differenza.

Sostegno a distanza

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2022 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 2 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful