Compassion in TV: puntata di Protestantesimo (Rai 2)

Ospiti di Protestantesimo su Rai 2, abbiamo raccontato cos’è oggi il Ruanda. 25 anni dopo il genocidio, per fare la differenza nel Paese e nella vita dei bambini

Ruanda: 25 anni fa, nel 1994, quasi 1 milione di persone uccise nel terribile Genocidio ruandese.

Le vittime furono prevalentemente di etnia Tutsi, ma le violenze finirono per coinvolgere anche gli Hutu moderati.

Compassion a Protestantesimo (Rai Due) per raccontare il Ruanda di oggi

L'odio interetnico fra Hutu e Tutsi fu il motivo scatenante del conflitto – eredità del passato coloniale belga.

Compassion a Protestantesimo (Rai Due) per raccontare il Ruanda di oggi

Furono infatti le autorità coloniali a trasformare quella che era una semplice differenza sociale (gli Hutu erano agricoltori, i Tutsi allevatori) in una discriminazione razziale mai esistita prima nella realtà del Paese.

Così, nella primavera 1994, la violenza esplose in maniera inaudita. Raccontano alcuni superstiti:

Ci rifugiavamo nelle chiese, pensando di trovare un luogo sicuro. Ma anche lì, i militari arrivavano con i fucili spianati. Scendevano dai camion e uccidevano chiunque. Poi, finivano i feriti a colpi di machete

Cos’è il Ruanda, oggi?

“È un Paese che sta crescendo, dove è necessario perdonare l’imperdonabile. È un Paese dove Hutu e Tutsi lavorano insieme” racconta Joshua Evangelista – responsabile comunicazione di Compassion Italia Onlus.

Compassion a Protestantesimo (Rai Due) per raccontare il Ruanda di oggi

Città come Kigali – la capitale – stanno crescendo rapidamente, ma nelle zone rurali la realtà è ben diversa. Oltre il 60% della popolazione vive in povertà estrema e moltissimi bambini muoiono prima di aver compiuto 5 anni.

Compassion a Protestantesimo (Rai Due) per raccontare il Ruanda di oggi

Per questo, nei nostri centri, accogliamo migliaia di bambini. Sono i bambini più vulnerabili, gli ultimi della società. Ricevono cure, pasti nutrienti, formazione e sostegno in tutti gli aspetti della loro crescita.

Compassion a Protestantesimo (Rai Due) per raccontare il Ruanda di oggi

Questi bambini imparano l’importanza della riconciliazione e del perdono. Nei nostri i centri tutti i bambini sono uguali e non c’è nessuna differenza – non ci sono né Hutu né Tutsi.

E in tutte le nostre attività coinvolgiamo le chiese locali, perché insieme possiamo trasmettere in modo ancora più forte i nostri valori di fede e speranza.

Compassion a Protestantesimo (Rai Due) per raccontare il Ruanda di oggi

Due terzi degli abitanti del Ruanda sono nati dopo il 1994. Da un lato, questo ci da speranza, perché sono bambini e giovani che non hanno conosciuto la terribile realtà del genocidio, dell’odio e della discriminazione.

Compassion a Protestantesimo (Rai Due) per raccontare il Ruanda di oggi

D’altro canto però, ci obbliga a non abbassare mai la guardia: dobbiamo impegnarci affinché questi bambini possano imparare ad amare il prossimo, proprio come insegna Gesù.


Rivedi la puntata

Ruanda: dall'odio al perdono

Il difficile cammino verso la riconciliazione a 25 anni dal tragico genocidio che ha sconvolto il mondo

Guarda il video su Rai Play

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2019 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 1.8 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful